Author Archives: AGF Report

Stragi sulla strada causati da dipendenza da telefono

Il telefono e’ uno strumento utile per comunicare, ma se non viene usato con coscienza diventa un arma letale. Gli incidenti stradali causati dalla distrazione al telefono sono migliaia al giorno ed una parte di essi causa morti e disabilita’ permanenti.I dipendenti da telefono, non soltanto sono assassini spietati che con tutto cio’ che sanno di poter uccidere qualcuno, se ne fregano altamente, ma sopratutto sono dei vigliacchi perche’ tengono sempre l’arma nascosta in maniera da poter negare l’evidenza in caso di conseguenze, dunque meritano meno rispetto dei killers, i quali quanto meno hanno l’onore e la dignita’ di assumersi le proprie responsabilita’.

 Posso affermare pubblicamente, visto che sono un motociclista che oltre ad avere una invalidita’ permanente e non essere nemmeno risarcito, che dopo essere stato vittima una volta, dal 2006, ad oggi la situazione e’ peggiorata, perche’ oggi i dipendenti da telefono che commettono infrazioni mettendo a rischio la vita altrui, sono diventati aggressivi. La scorsa settimana sono stato aggredito da due donne che mi hanno speronato, di cui una mi ha anche preso a calci e da un uomo che dopo avermi quasi fatto cadere, mi ha minacciato dicendomi che mi avrebbe lasciato morto per terra scassandomi la faccia. In tutti e’ tre i casi, ho soltanto suonato il clacson in maniera continua, dopo aver suonato inutilmente in maniera breve per avvertire che mi stavano facendo cadere. Posso affermare per esperienza diretta che i dipendenti da telefono, sono soggetti apparentemente tranquilli e ben inseriti socialmente, che nascondono un carattere violento, irrequieto e aggressivo.

Le Forze Dell’Ordine, a differenza di quanto affermano, non fanno assolutamente nulla. Non solo vedo la gente impegnata al telefono mentre guida davanti a loro, e si sono fatti i fatti propri anche quando ho indicato loro automobilisti al telefono, ma addirittura ho visto auto della Polizia e dei Vigili urbani, il cui conducente stava al telefono. Considerando che la prima causa di incidenti e’ causata dalla guida al telefono (io stesso sono una vittima non risarcita con conseguenze permanenti), e dato che molti di questi incidenti hanno riscontri gravi come mortalita’, pur volendo, non riesco piu’ a vedere le FF.OO quali amiche dei cittadini come decantano in rete, ma come dei complici di chi da ordine di far mettere a repentaglio la vita altrui, dunque i mandanti, perche i colossi economici mondiali realizzano i guadagni piu’ alti della storia dell’umanita’. Dei posti di blocco per il controllo dei documenti e di qualche arresto con i giornalisti avvertiti, francamente me ne frego, anzi, dato che ogni giorno rischio la vita per colpa di chi guida al telefono e solo per una questione matematica so che prima o poi verro’ ucciso da una donna o un uomo  che mi investiranno e quel giorno saro’ soltanto un numero tra tanti che ogni giorno vengono uccisi schiacciati come topi, trovo che i posti di blocco siano una forma di abuso di potere nei confronti della liberta’, fatta da chi avendo una divisa si puo’ permettere di farlo. Visti i fatti, trovo che siano pagati con stipendi. soldi dei contribuenti, che non meritano affatto. Come incontro io con lo scooter decine e decine di persone che mettono a repentaglio la vita altrui fregandosene altamente, a maggior ragione possono farlo le Forze Dell’ordine e se non lo fanno, le motivazioni sono soltanto due: Ubbidiscono ad ordini provenienti da chi manipola la societa’ e l’economia, dunque sono complici; Non sono complici, ma non sono in grado di svolgere il proprio mestiere, dunque sono soltanto un peso economico.

Oltre gli automobilisti esitono altre mine vaganti che guidano al telefono: Tassisti e conducenti di mezzi pubblici, ma in questo caso non dico nulla perche’ come quella dei bancarellari, si tratta di ramificazioni di un albero che fa fruttare milioni a chi finche’ non tocchi i suoi interessi ti lascia stare, dunque, motivo per cui…massima omerta’, sto zitto e mi faccio gli affari miei (Capisci a me). Anzi, nego di aver detto che i tassisti e i conducenti di mezzi pubblici guidano al telefono, perche’ non c’ero e se c’ero dormivo.

Altre mine vaganti al telefono sono pedoni, ciclisti, monopattisti e motociclisti, i quali mettono a repentaglio la propria vita fregandosene altamente, convinti che nella vita a loro va tutto bene… beh, quando muoiono questi,francamente non provo alcuna pena.

Il diritto di stampa non può essere censurato o autorizzato

Il diritto di stampa, a differenza di quanto si crede, appartiene a tutti, chiunque infatti ha diritto ad informarsi, informare, ed esprimere il proprio pensiero divulgando attraverso qualsiasi mezzo di informazione. I giornalisti hanno diritto esclusivamente in quanti lavoratori, ma non hanno alcun diritto di prelazione o esclusività riguardo al diritto di informazione e stampa, tale diritto è tutelato dall’articolo 21 della Costituzione Italiana, ed è uno dei pilastri della democrazia.. A quanti pare, le associazioni giornalistiche, i partiti politici, ed i giornali, se ne fregano altamente delle leggi costituzionali, facendo in maniera di garantire i diritti all’informazione esclusivamente a gli addetti all’informazione tesserati ODG che lavorano per conto di testate giornalistiche, negando ogni diritto costituzionale a gli addetti all’informazione professionisti indipendenti. Un altra cosa grave, e’ che per arrivare a questa forma di negazionismo di liberta’ di informazione vengono utilizzate le Forze Dell’Ordine, le quali, come unica spiegazione (non plausibile) affermano di ricevere ordini. Viene da se concludere, che cio’ che rientra nel significato di Stampa, diritto pubblico finanziato con soldi pubblici, possa essere manipolato a proprio vantaggio da coloro che hanno il dovere di garantirne la tutela.

Per capirci…funziona cosi’:

 -Nessuno puo’ violare la Costituzione, nemmeno il Presidente Della Repubblica.

 – Non si possono utilizzare transenne e Forze dell’Ordine o autorizzare cittadini per censurare o autorizzare il diritto di Stampa ai Cittadini. Se lo fai, per motivi di sicurezza, sei tenuto a dare spiegazioni e dopo aver verificato che il Cittadino non sia motivo di pericolo, sei obbligato a farlo passare. Questo per quanto concerne i luoghi pubblici.

 – Nei luoghi privati in cui si tengono eventi di pubblico dominio, gli addetti all’informazione professionisti, che siano giornalisti o indipendenti, devono essere fatti passare e nessuno puo’ opporsi.

– Le Sale Stampa non hanno alcun diritto a censurare o autorizzare attraverso accrediti da dover richiedere nei tempi e nei modi stabiliti da loro, in quanto la Costituzione tutela la Stampa e il Diritto al Lavoro. Una Sala Stampa, a maggior ragione se appartenente ad un partito politico, che autorizza o censura il diritto Stampa ai professionisti indipendenti, scavalca la Costituzione, dunque compie Attentato. Non esistono forme giuridiche ritenute civili o penali da discutere in tribunale attraverso le parti: Chiunque scavalca la Costituzione compie Attentato, poiche’ gli articoli della Costituzione sono scritti per tutelare la liberta’ e la democrazia, e scavalcare qualsiasi articolo significa impedire la la liberta’, dunque imprimere forma di regime.

Io ho sostenuto un partito politico quando non aveva speranze, nel frattempo questo partito e’ salito, ma il giorno dell’evento tenutosi in pubblica piazza (Piazza del Popolo), mi e’ stato negato il diritto di stampa per i soliti motivi: Impiego di personale di sicurezza, transenne e assurde richieste di accredito nei modi e nei tempi stabiliti da loro, motivo per cui, oltre ad essere andato via, non sono andato nemmeno a votare dopo avere avuto la dimostrazione che l’unica persona che sosteneva liberta’, democrazia e diritti costituzionali, in realta’ non mi rappresentava e la cosa piu’ grave e’ che questa persona, leader del partito ha il tesserino da giornalista.

Se oggi l’Italia e’ arrivata alla frutta e’ perche’ e’ stato messo lentamente un regime camuffato da democrazia, grazie alla disinformazione. la cosa e’ molto grave, ma ai cittadini della negazione di liberta’ non frega nulla…gli bastano carote come la squadra del cuore, uno smartphone e tv spazzatura, ed e’ felice anche se viene bastonato.

 

Manifestazione tassisti – Polizia li ferma prima di arrivare a Montecitorio

Roma 14 luglio 2022, la manifestazione ad oltranza dei tassisti, dopo giorni arriva sino alle porte di Montecitorio. Il rischio e’ stato talmente alto che e’ stata bloccata via del Corso,le vie limitrofe comunicanti, la galleria Alberto Sordi ed i suoi cancelli per accedere ai portici. Le Forze dell’Ordine prevedendo un eventuale rischio per i palazzi del Governo, da giorni aveva gia’ preparato un piano di difesa con l’utilizzo anche di mezzi dotati di disperditori di folle indrici e acustici, ma per fortuna quando cio’ che era stato previsto e’ divenuto realta’,  tutto si e’ risolto con qualche bomba carta, senza nessuna necessita’ di scontri.

Questa volta non si e’ trattata della solita manifestazione organizzata e pilotata dai media, ma di una vera manifestazione ad oltranza di migliaia di disperati pronti a tutto che sarebbero potuti essere l’inizio di una reazione popolare a catena. Per fortuna lo stesso giorno e’ caduto il Governo e si e’ decisi di arrivare alle elezioni. La speranza e’ che non si tratti soltanto di una strategia per prendere tempo e calmare gli animi, perche’ la situazione in Italia e’ disperata, la corda si e’ spezzata da tempo e la popolazione e’ stremata. Questi sono seri campanelli di allarme.

Articolo, scatti, riprese, montaggio Adriano galiano (Faccio tutto io)